• Max Aquila
    Max Aquila

    Sony a7III + FE 24-105mm f/4G = cavallo da battaglia !

    010  21062018 -_D5K0941  Max Aquila photo (C).jpg

    Come preannunciato, la pazienza premia... e in questa considerazione, la redazione di Sonyland, ha vissuto queste ultime quattro settimane in compagnia di questa accoppiata, alla quale abbiamo attribuito il titolo di "workhorse" per le sue caratteristiche di "evoluzione" rispetto le precedenti edizioni e di positivo "impatto generale" come ogni buon strumento da lavoro, non appena impugnato, deve sortire come effetto.

    Ed è proprio in funzione delle fugaci sensazioni che in diversi Sony day in giro per l'Italia, avevo già percepito da questo ensamble corpo+ottica, che ho richiesto a Sony Italia la loro disponibilità per qualche settimana, ottenendola grazie all'intermediazione con la direzione Marketing di Sony Europa.

    L'idea è che una mirrorless di fascia media come la a7III con sensore da 24Mp e tutte le features ormai ben note che la caratterizzano, utile ad una larga fascia di fotografi come quelli che partono dall'utente Prosumer per arrivare al Professional dal budget limitato oppure dalle esigenze differenti (reporter, cerimonialista di fascia mediobassa, sport per quotidiani) da quelle espresse dalla sorella maggiore a7RIII con il suo sensore ben più denso di pixel, così come dalla netta connotazione professionale del vero riferimento di questa ultima Sony a7, ossia la a9, alla quale non abbiamo mai nascosto la nostra preferenza, l'idea, dicevo, è quella che ad una macchina dal costo che si aggira intorno ai 2300 euro si debba legare un obiettivo il quale sia talmente difficile da staccare dalla sua baionetta xD da sentire il bisogno di affiancargli qualcosa solo dopo svariate decine di migliaia di scatti effettuati con esso...

    009  21062018 -_D5K0938  Max Aquila photo (C).jpg

    ...e mi pare che questo zoom trans-standard di luminosità f/4 costante, esteso da 84° di angolo di campo a 24mm fino ai 23° del suo mediotele da 105mm, dotato di motore DDSSM, silenzioso ed efficiente, possa essere ben considerato tale...!ddssm.PNG

    Fluorine coating contro gli agenti esterni, sporco, umidità e polvere, 17 lenti in 14 gruppi, delle quali 3 Ed e 4 a bassa e bassissima dispersione, stabilizzato OSS, diaframma a nove lamelle, chiusure da f/4 ad f/22, senza perdità della luminosità, quindi.

    schema.PNG
    38cm la maf minima ed un pulsante programmabile a sinistra sotto la lettera G, che lo classifica tra gli obiettivi adatti a sfruttare tutte le prestazioni velocistiche e dei diversi sistemi di autofocus che caratterizzano le più recenti ML Sony. Attorno a 1300 euro il suo prezzo.
    011  21062018 -_D5K0949  Max Aquila photo (C).jpg

    Compatto quanto basta per non rendere eccessivo il divario dimensionale dalla fotocamera, sicuramente alla focale minima (lungh. 11,3cm)

    007  21062018 -_D5K0933  Max Aquila photo (C).jpg

    un pò meno alla focale massima, dove l' escursione dell'elicoide fa sbilanciare un bel pò avanti il suo baricentro.

    008  21062018 -_D5K0934  Max Aquila photo (C).jpg

    013  21062018 -_D5K0955  Max Aquila photo (C).jpg

    neutrale il coating della lente frontale, munita di filettatura filtri da 77mm perfetta per la mia eccellente lente addizionale acromatica Marumi dello stesso diametro, con la quale, come vedrete, questo zoom si sposa a meraviglia.

    012  21062018 -_D5K0952  Max Aquila photo (C).jpg

    Della a7III cosa dire più di quanto sia stato già detto dalla sua presentazione ad oggi?

    005  21062018 -_D5K0929  Max Aquila photo (C).jpg

    Una sensazione di familiarità assoluta per chi provenga e/o abbia già esperienza di questa linea mirrorless Sony che, dal 2013 ad oggi, sta mietendo successo di appassionati sostenitori del "piccolo e leggero è meglio".

    Per chi provenga dal mondo delle reflex, invece, una sensazione iniziale di "inconsistenza" certe volte anche di precarietà, nel senso di possibilità che possa sfuggire dalle dita, forse causata dalla mancanza di supporto anche per il mignolo della mano destra...

    006  21062018 -_D5K0931  Max Aquila photo (C).jpg

    Impressione che (a parte le possibilità di montare BG o impugnatura aggiuntiva disponibile) passa dopo qualche tempo, utilizzando la a7III con obiettivi adeguati per dimensione come questo 24-105G con il quale l'ho utilizzata.

    001  21062018 -_D5K0914  Max Aquila photo (C).jpg003  21062018 -_D5K0923  Max Aquila photo (C).jpg

    L'impugnatura, rispetto la precedente a7II che ho avuto per alcuni mesi a disposizione, (prima di appassionarmi alle a9 9_9) mi pare sia lievemente meno arrotondata e per questo consenta un migliorato grip, che si percepisce immediatamente (a7II a sx, a7III a dx)

    7m2 e 7m3.PNG

    Ma le differenze sostanziali che la allontanano dalle altre a7, precedenti e la avvicinano invece alle due Hi-end del catalogo Sony, a parte il sensore retroilluminato e la maggiore (raddoppiata) dinamica del processore Bionz X, lo stesso impianto AF della a9 (eccezionale, come vedremo), una raffica raddoppiata che raggiunge i 10 ftg/s insieme al tracking di AF ed AE, un buffer praticamente inesauribile grazie alla combinazione tra dimensione del sensore e la nuova batteria mutuata da a9 ed a7rIII001  20062017 -_D5K0636  Max Aquila photo (C).jpg
    che adesso consente un'autonomia anche ben superiore a quelle delle due menzionate ML (scattando in AF-C a raffica continua con entrambi gli otturatori, meccanico ed elettronico, ho raggiunto 1500 scatti con autonomia residua del 40%) il doppio slot SD (purtroppo solo uno, ancora, UHS-II) e molte altre migliorie che fanno di questa a7m3 la sorella minore della a9, piuttosto che una parente delle due a7 precedenti.

    A questo proposito, piuttosto incomprensibile l'assenza, sulla sinistra del mirino elettronico, del selettore dei modi AF e delle frequenze di scatto, presente invece sulla a9 che consente di tenere queste frequenti regolazioni fuori dai menù (sempre troppo caotici) della macchina e consente di dedicare i pulsanti customizzabili ad altre funzioni meno importanti di queste... 001  20062017 -_D5K0646  Max Aquila photo (C).jpg
    In questo caso in Sony si è preferito seguire forse dei parametri di continuità estetica con la "linea 7": inspiegabilmente

    004  21062018 -_D5K0927  Max Aquila photo (C).jpg

    Fondamentale la presenza del joystick per la movimentazione del sensore AF: la speranza che dopo che nella a9, ne venisse dotata ogni altra Sony, da allora in poi, pare venga esaudita...

    back.PNG

    determinanti anche visivamente altre differenze rispetto alla versione precedente (a sx) con la presenza del pulsante AF-ON, oltre al menzionato joystick, lo spostamento del pulsante C3 all'estrema sx del pannello posteriore, per levarlo da sotto alla ghiera dei diaframmi, dove interferiva spesso nella 7m2, ma sopratutto l'ingrossamento della rotella multifunzione e la diversa profondità di tutta la zona dx della plancia della nuova 7m3 (a dx)  insieme allo spostamento del pulsante video dalla ridicola ed inutile posizione nella quale si trovava nei precedenti modelli: in Sony pare quindi si ascoltino (e tanto) le richieste dei fotografi...

    La prima cosa che faccio con una mirrorless Sony dell'ultima generazione, quando ne dispongo per un test, è senza dubbio quello di riunire le principali funzioni di interesse, sparse nei meandri di un menù che nessuno a Tokyo vuole decidersi a razionalizzare per blocchi omogenei di funzioni, all'interno del comodissimo pulsante "fn" nel quale almeno dodici cose che mi stanno a cuore le possa rintracciare e rendere operative in un paio di click: non mi stancherò di raccomandare che funzioni come WB, frequenza di scatto, ISO/Auto Iso, AF mode dovrebbero devono occupare la plancia comandi di qualsiasi fotocamera per saltare all'occhio, senza doversi ricordare a quale pulsante custom tra gli almeno OTTO disponibili sulla a7M3 le abbiamo attribuite.

    Messo a punto anche il mirino elettronico ed il monitor in funzione display, circa le informazioni che desidero disponibili tra le tantissime delle quali li possiamo corredare, vado finalmente a scattare, non prima di aver messo in C3 (a me piace li) la guida funzioni della fotocamera: in caso di dubbio trovo comodissimo premere il pulsante e leggere la spiegazione della funzione, la cui definizione è spesso difforme dai canoni cui siamo da decenni abituati.

    Eliminati i problemi "linguistico-lessicali" vado a cercare i miei soggetti e con grande piacere scopro di aver pensato bene a questo 4/24-105G che per maneggevolezza e prestazioni si adatta a generi davvero differenti:

    soggetti statici e mobili, colori e forme, vedute d'insieme e particolari, per ognuna di queste categorie un 24-105mm è LA risposta a chi desideri un solo obiettivo sul corpo macchina, tanto più se sufficientemente luminoso (ma il sensore della a7M3 può tranquillamente superare soglie prima negate alle sue parenti più anziane...

    073 - _7M34862  42 mm  1-800 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    055 - _7M34726  82 mm  1-1250 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    Passando dai diaframmi più aperti a quelli più chiusi lo stesso soggetto assume un' importanza differente

    066 - _7M34820  24 mm  1-1600 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpgf/4

     

    067 - _7M34834  24 mm  1-1000 sec a f - 5,6 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpgf/5,6


    068 - _7M34836  24 mm  1-200 sec a f - 11 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpgf/11

    070 - _7M34839  24 mm  1-125 sec a f - 16 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpgf/16

    071 - _7M34856  88 mm  1-640 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg
    f/4

    072 - _7M34858  88 mm  1-160 sec a f - 8,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg
    f/8

    il range delle focali disponibili consente con leggere variazioni, interpretazioni delle più differenti del soggetto

    051 - _7M34694  34 mm  1-320 sec a f - 8,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg
    35mm

    052 - _7M34696  68 mm  1-250 sec a f - 8,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg70mm
    oppure...zoomando con i piedi (avvicinandosi)...9_9054 - _7M34708  61 mm  1-500 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg60mm B|

    053 - _7M34698  105 mm  1-200 sec a f - 8,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg105mm


    anche nel "ritratto"057 - _7M34738  52 mm  1-200 sec a f - 8,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg50mm


    058 - _7M34740  85 mm  1-250 sec a f - 8,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg85mm

    Riguardo poi alle migliorate capacità dell'autofocus (io tendo ad utilizzare il Flexispot con riconoscimento dei volti), ma ho notato come anche nella a9 che l'AF risponda sorprendentemente bene anche nel modo "ampio" completamente automatico...
    047 - _7M34685  105 mm  1-1250 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    048 - _7M34687  96 mm  1-1000 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    049 - _7M34690  76 mm  1-1000 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg
    ed in relazione alla qualità del sensore, beh...
    050 - _7M34690  76 mm  1-1000 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg...questo è il crop esagerato dell'immagine precedente !

    e l'autofocus insieme alla raffica? Ne vogliamo parlare? :Dscale.jpg
    Mi sembra di essere tornato ad impugnare una Sony a9...ma con un bel pò di soldini rimasti in tasca...xD

    Inseguiamo uno di questi soggetti dagli spostamenti non troppo prevedibili...?059 - _7M34745  99 mm  1-1000 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg dalla cima delle scale...060 - _7M34746  99 mm  1-1000 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg
    061 - _7M34761  77 mm  1-500 sec a f - 5,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg  fino a giù...

    062 - _7M34765  77 mm  1-500 sec a f - 5,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg il fuoco si mantiene sempre sul soggetto inquadrato

    063 - _7M34767  77 mm  1-500 sec a f - 5,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg
    nonostante gli spostamenti laterali
    064 - _7M34769  77 mm  1-500 sec a f - 5,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg fino alla fine.

    Questo 24-105mm insieme al sensore della a7III si comporta bene, sia nell'insieme,
    023 - _7M31893  33 mm  1-160 sec a f - 11 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    sia nel dettaglio ...024 - _7M31897  73 mm  1-1600 sec a f - 5,6 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    029 - _7M31956  101 mm  1-250 sec a f - 5,6 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    alle brevi distanze, anche con soggetti in movimento027 - _7M31942  44 mm  1-125 sec a f - 8,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    025 - _7M31928  50 mm  1-125 sec a f - 8,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg026 - _7M31934  46 mm  1-250 sec a f - 8,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg 

    con i colori, senza impastarli mai, sia nelle ombre030 - _7M32004  31 mm  1-250 sec a f - 8,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    ... sia nei contrasti più accesi

    028 - _7M31948  65 mm  1-400 sec a f - 5,6 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    031 - _7M32024  24 mm  1-500 sec a f - 8,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    Perfino comprensibili gli slittamenti cromatici verso il rosso e blu quando ci sia compresenza di sorgenti luminose artificiali delle più disparate  (incandescenza, neon, led) e dalle intensità più varie ed il WB Auto chieda a gran voce una valutazione al color checker, che... nella situazione in questione risulterebbe un pò fuori contesto xD

    079 - _7M34897  39 mm  1-160 sec a f - 11 ISO 400 Max Aquila photo (C)_.jpg  comunque ben gestibile in PP

    075 - _7M34889  86 mm  1-100 sec a f - 8,0 ISO 1000 Max Aquila photo (C)_.jpg

    077 - _7M34893  63 mm  1-160 sec a f - 4,5 ISO 400 Max Aquila photo (C)_.jpg

    078 - _7M34893  63 mm  1-160 sec a f - 4,5 ISO 400 Max Aquila photo (C)_.jpg(Giusy... è crop della precedente immagine)

    074 - _7M34878  96 mm  1-800 sec a f - 4,0 ISO 400 Max Aquila photo (C)_.jpg

    In queste condizioni di scadente qualità delle luce si accentua la tendenza del mirino di questa a7III, che mi pare di notare rispetto gli EVF delle Sony a9 alle quali ormai parametro questa sorellina, di essere meno efficace, anche con un implementazione di luminosità +2, come quella che mi sono trovato a dover utilizzare.

    Tutto poi torna alla normalità in condizioni di miglior qualità luminosa, come nella stagione estiva attuale, sia nelle condizioni più lineari di esposizione

    085 - _7M35256  24 mm  1-125 sec a f - 11 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    084 - _7M35253  58 mm  1-320 sec a f - 5,6 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    015 - _7M31779  24 mm  1-1600 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    020 - _7M31784  33 mm  1-640 sec a f - 5,6 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    e con soggetti poco meno che...statici,

    021 - _7M31801  24 mm  1-3200 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    come per quelli decisamente più...dinamici

    goal.jpg

    sia in condizioni di esposizione più complesse, per la compresenza di alte e basse luci

    022 - _7M31820  24 mm  1-400 sec a f - 8,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    tanto quanto, come preannunciato prima, avvicinandosi tanto al soggetto, grazie ad una Marumi DHG Achromat-Macro da 3 diottrie, che mi è servita, divertendomi a diminuire drasticamente la minima maf che per questo zoom è di 38cm032 - _7M32579  105 mm  1-640 sec a f - 8,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg
    non solamente chiudendo ai diaframmi medi ed oltre, come normalmente si fa in close-up photography, per ottimizzare le prestazioni centro-bordi di ottica+lente addizionale, ma addirittura provando a scattare a TA e poco più:

    f/4

    033 - _7M32640  105 mm  1-2000 sec a f - 4,0 ISO 160 Max Aquila photo (C)_.jpg

    farfa.jpg (raffica silenziosa anche nel close up...!)

    080 - _7M35096  71 mm  1-1250 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    081 - _7M35112  71 mm  1-1250 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    082 - _7M35113  71 mm  1-1250 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    e senza mai percepire presenza di aberrazioni cromatica ai bordi dei soggetti

    045 - _7M33766  105 mm  1-2500 sec a f - 4,0 ISO 640 Max Aquila photo (C)_.jpg

    046 - _7M33779  105 mm  1-2500 sec a f - 4,0 ISO 800 Max Aquila photo (C)_.jpg

     

    f/5,6

    039 - _7M33341  105 mm  1-2500 sec a f - 5,6 ISO 640 Max Aquila photo (C)_.jpg

    040 - _7M33345  105 mm  1-2500 sec a f - 5,6 ISO 800 Max Aquila photo (C)_.jpg

    041 - _7M33349  105 mm  1-2000 sec a f - 5,6 ISO 640 Max Aquila photo (C)_.jpg

    042 - _7M33403  105 mm  1-2000 sec a f - 5,6 ISO 500 Max Aquila photo (C)_.jpg

    083 - _7M35167  105 mm  1-1600 sec a f - 5,6 ISO 250 Max Aquila photo (C)_.jpg

    Concludo questa galleria di immagini con il genere per il quale questo ensamble Sony mi ha particolarmente colpito, tanto da continuare a riferirmi alla Sony a9 come potenziale riferimento di questa sorellina minore: quello della fotografia sportiva e d'azione che, grazie alle doti espressive di questo 24-105/4 ma sopratutto a quelle dinamiche dell'AF ad inseguimento del soggetto e delle capacità di scatto in sequenza di questa a7III ma sopratutto, del miglioratissimo buffer che consente impensabile numero di scatti già in ARW (figuriamoci in jpg Fine), mi pare che un eventuale abbinata con l'eccellente già testato Sony 70-200mm f/4 G OSS costituisca un corredo super performante per quei fotografi della fascia definita all'inizio di questo articolo, risparmiando i soldi necessari a coprire la stessa esigenza in fascia di luminosità f/2,8 che peraltro riguarda obiettivi effettivamente ingombranti e pesanti rispetto le quote di questo corpo macchina, in assenza di battery grip.

    034 - _7M33290  36 mm  1-2500 sec a f - 4,0 ISO 250 Max Aquila photo (C)_.jpg

    035 - _7M33291  36 mm  1-2500 sec a f - 4,0 ISO 250 Max Aquila photo (C)_.jpg

    036 - _7M33292  36 mm  1-2500 sec a f - 4,0 ISO 250 Max Aquila photo (C)_.jpg

    037 - _7M33293  36 mm  1-2500 sec a f - 4,0 ISO 250 Max Aquila photo (C)_.jpg

    038 - _7M33294  36 mm  1-2500 sec a f - 4,0 ISO 250 Max Aquila photo (C)_.jpg
     

    043 - _7M33569  105 mm  1-2000 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    efficacia nei contrasti di luminosità anche in AF-C ad inseguimento del soggetto

    drive.jpg 
    capacità di non perdere il soggetto anche durante i movimenti ed i cambi di direzione più bruschi

    drive altro.jpg

    drive 2.jpg (cliccare sempre per valutare il dettaglio immagine)

    drive 3.jpg

    grazia 1.jpg

    buca-no.jpg capace di mantenere il fuoco anche sul target piccolo e distante, grazie alla variabile dimensione dei sensori AF

    buca.jpg

    buca no2.jpg

    Unica pecca dell'otturatore elettronico, la sua particolar sensibilità al "rolling shutter" forse più di quanto non avessi già notato sulla Sony a9: un problema che verrà drasticamente eliminato dall'introduzione futura del "global shutter" del quale pare esistano già prototipi in avanzata sperimentazione... 

    Quote

    I sensori di tipo CMOS oggi lavorano a scansione: i dati di ogni fotoricettore vengono letti riga per riga e l’immagine viene così ricostruita. Questa “scansione” crea il problema denominato rolling shutter, oggi minimizzato dalla presenza dei sensori veloci ma ancora fastidioso in situazioni molto particolari.

    torsion.jpg  più ci si avvicini...

    087 - _7M36234  105 mm  1-800 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg

    088 - _7M36355  105 mm  1-1000 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg e più si manifesta

     

    (qui con altra ottica) 001  24062018 -_7M35297  Max Aquila photo (C).jpg :$

    001  24062018 -_7M35798  Max Aquila photo (C).jpg

    ed anche distorcendo 086 - _7M36072  89 mm  1-1000 sec a f - 4,0 ISO 100 Max Aquila photo (C)_.jpg001  24062018 -_7M35619  Max Aquila photo (C).jpg

    Alla fine di queste considerazioni è d'uopo fare il punto sul Sonyland-pensiero circa questa accoppiata:

    pregi:

    • enorme balzo in avanti dalla prima serie delle ML Sony con questa a7III 
    • impressionante l'integrazione macchina/obiettivo in termini di gestione AF e velocità di scatto
    • ottima autonomia con la nuova batteria e grande capacità del buffer
    • obiettivo davvero tuttofare, dalle brevi distanze (con aiutino) ai soggetti distanti: equilibrio estremo di prestazioni
    • distorsioni e vignettatura pressocchè nulle nel 24-105 G ottime prestazioni dell'antiriflesso

    difetti:

    • sensibilità al rolling shutter
    • mirino elettronico poco luminoso
    • mancanza sulla sx della plancia superiore del selettore funzioni presente su a9 
    • un solo slot UHS-II ... ancora...
    • prezzo un pò eccessivo dello zoom rispetto la luminosità relativa e ...la concorrenza

    un giudizio sintetico che non esprime in pieno il concetto principale: che con questa nuova a7III e la linea di ottiche f/4G Sony stia mettendo insieme un corredo di livello professionale dai costi tutto sommato accessibili...
    Adesso speriamo anche in qualche wide fisso di livello adeguato a quello mostrato da queste attrezzature ricevute in prova, grazie alla disponibilità di  Sony Europa.

    044 - _7M33739  82 mm  1-2000 sec a f - 4,0 ISO 200 Max Aquila photo (C)_.jpg

    Max Aquila photo (C) per Sonyland 2018

    Edited by Max Aquila



    User Feedback


    Un bel numero di letture in un mese e mezzo dalla pubblicazione ma zero commenti.

    Possibile che chi legga non abbia alcuna curiosità?

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Forse sei stato anche troppo esaustivo ;) 

    Una cosa che mi ha sorpreso di questa Sony è la risoluzione che sembra tagliata con l'accetta: 6000*4000 cifra tonda, da cosa deriva?

    l'ottica si direbbe molto buona, qualcuno si è azzardato a dire che soppianterebbe i fissi....

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    36 minutes ago, Alberto73 said:

    Forse sei stato anche troppo esaustivo ;) 

    Una cosa che mi ha sorpreso di questa Sony è la risoluzione che sembra tagliata con l'accetta: 6000*4000 cifra tonda, da cosa deriva?

    l'ottica si direbbe molto buona, qualcuno si è azzardato a dire che soppianterebbe i fissi....

    Non so dirti se sia una scelta precisa ma ...funziona come dici.

    Di certo questo ensamble è un must per un fotografo di cerimonia. Per un reporter. Per un appassionato di fotografia itinerante.

    La 7m3 stava quasi per soppiantare la a9 nella mia graduatoria di preferenza

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    quasi? cosa le manca?

    Al momento ho solo un'ottica per sony che è il 24-70 f4 zeiss ma mi pare che non sia considerata un'ottica valida per cui sarei tentato di fare il cambio con questo 24-105...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    8 hours ago, Alberto73 said:

    quasi? cosa le manca?

    Al momento ho solo un'ottica per sony che è il 24-70 f4 zeiss ma mi pare che non sia considerata un'ottica valida per cui sarei tentato di fare il cambio con questo 24-105...

    Le manca la capacità di raffica alle velocità della a9 e l immediatezza di risposta af nei particolari più piccoli che consente l ammiraglia.

    Le manca la torretta comandi di sx che tira fuori dal menù alcuni importanti comandi per i quali ritengo inutile sacrificare pulsanti custom.

    Non molto altro.

    Non ho provato il 24-70 Zeiss ma questo Sony che arriva a 105mm se già  soltanto lo equivalesse qualitativamente...avrebbe appunto il vantaggio della più  estesa gamma di focali 

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Da quello che so (per sentito dire però) il migliore dovrebbe essere il 24-105 ma sarebbe interessante un test magari per confrontarli e non ne ho visti...

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    On 15/8/2018 at 8:15 PM, Max Aquila said:

    Un bel numero di letture in un mese e mezzo dalla pubblicazione ma zero commenti.

    Possibile che chi legga non abbia alcuna curiosità?

    Da meno di una settimana ho acquistato l'ottica recensita e meno di un mese fa la Sony a9. Dispongo anche di una Canon 1Dx mk II con il 600 mm f/4 L IS USM II, il 300 mm f/2.8 L IS USM II e il moltiplicatore di focale 1.4x. Il resto delle ottiche Canon medio-tele e grandangoli li ho venduti per acquistare materiale Sony tra cui il FE 100-400 mm f/4.5-5-6 GM.

    Sono un utilizzatore Canon da 18 anni circa con grande soddisfazione soprattutto nella foto naturalistica, campo in cui mi diletto maggiormente.

    Ho deciso di passare, parzialmente, a Sony in quanto Canon non ha una mirrorless che fa al mio caso e al tempo stesso non ho completato il passaggio perché Sony non ha super-tele nel loro listino. Questo è piuttosto frustrante e limitativo per chi pratica foto naturalistica o sportiva. 

    Voi direte che esiste il 400 mm f/4, verissimo ma onestamente non spendo 12 K€ per un ottica che può essere rimpiazzata egregiamente dallo zoom FE 100-400 mm a cui tra breve affiancherò il 1.4x nella speranza che il calo di prestazioni (ottiche e velocità AF) non sia elevato. Inoltre lo zoom in questione è più leggero e, quando si percorrono tanti km a piedi, anche pochi kg di attrezzatura sono determinanti. Per questo anche con Canon avevo il EF 100-400 mm f/4.5-5.6.

    Tornando all'articolo l'ho trovato interessante e ben fatto, complimenti all'autore. Proverò l'obiettivo in questione alla prima occasione e farò avere le mie personali impressioni soprattutto paragonandolo all'ottimo EF 24-70 f/2.8 L USM II che avevo fino a poco tempo fa.

    La scelta è caduta sul FE 24-105 f/4 G e non sul FE24-70 f/2.8 GM per i seguenti motivi:

    Allego un paio di crop scattati con A9 & FE 100-400 GM che non c'entra niente con l'articolo in questione. 

     

     

    _DSC3292.jpg

    _DSC3216.jpg

    Edited by PEC56

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    On 10/9/2018 at 7:54 AM, Max Aquila said:

    Le manca la capacità di raffica alle velocità della a9 e l immediatezza di risposta af nei particolari più piccoli che consente l ammiraglia.

    Le manca la torretta comandi di sx che tira fuori dal menù alcuni importanti comandi per i quali ritengo inutile sacrificare pulsanti custom.

    Non molto altro.

    Non ho provato il 24-70 Zeiss ma questo Sony che arriva a 105mm se già  soltanto lo equivalesse qualitativamente...avrebbe appunto il vantaggio della più  estesa gamma di focali 

    Sempre che tu non lo abbia già fatto, per un confronto tra Zeiss e Sony puoi guardare qui: https://www.the-digital-picture.com/Reviews/ISO-12233-Sample-Crops.aspx?Lens=1010&Camera=1175&Sample=0&FLI=0&API=0&LensComp=918&CameraComp=0&FLIComp=0&APIComp=0

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    On 30/4/2019 at 6:45 AM, PEC56 said:

    Da meno di una settimana ho acquistato l'ottica recensita e meno di un mese fa la Sony a9. Dispongo anche di una Canon 1Dx mk II con il 600 mm f/4 L IS USM II, il 300 mm f/2.8 L IS USM II e il moltiplicatore di focale 1.4x. Il resto delle ottiche Canon medio-tele e grandangoli li ho venduti per acquistare materiale Sony tra cui il FE 100-400 mm f/4.5-5-6 GM.

    Sono un utilizzatore Canon da 18 anni circa con grande soddisfazione soprattutto nella foto naturalistica, campo in cui mi diletto maggiormente.

    Ho deciso di passare, parzialmente, a Sony in quanto Canon non ha una mirrorless che fa al mio caso e al tempo stesso non ho completato il passaggio perché Sony non ha super-tele nel loro listino. Questo è piuttosto frustrante e limitativo per chi pratica foto naturalistica o sportiva. 

    Voi direte che esiste il 400 mm f/4, verissimo ma onestamente non spendo 12 K€ per un ottica che può essere rimpiazzata egregiamente dallo zoom FE 100-400 mm a cui tra breve affiancherò il 1.4x nella speranza che il calo di prestazioni (ottiche e velocità AF) non sia elevato. Inoltre lo zoom in questione è più leggero e, quando si percorrono tanti km a piedi, anche pochi kg di attrezzatura sono determinanti. Per questo anche con Canon avevo il EF 100-400 mm f/4.5-5.6.

    Tornando all'articolo l'ho trovato interessante e ben fatto, complimenti all'autore. Proverò l'obiettivo in questione alla prima occasione e farò avere le mie personali impressioni soprattutto paragonandolo all'ottimo EF 24-70 f/2.8 L USM II che avevo fino a poco tempo fa.

    La scelta è caduta sul FE 24-105 f/4 G e non sul FE24-70 f/2.8 GM per i seguenti motivi:

    ...

     

    concordo pienamente col tuo punto di vista e continuo a sostenere che gli obiettivi FE che mi sono fin qui piaciuti di più...non hanno il marchio blu, ma sono i Sony serie G e GM

    Ti auguro di provare un Sigma Sports 500/4 baionetta Canon e adattatore MC-11 sulla tua a9

    A proposito: ti sei fatto prestare un MC-11 dal tuo negoziante di zona per provarci sopra il tuo Canon 600/4 ???

    Direi che per un potenziale acquisto da 250 euro, il tentativo varrebbe lo sforzo...

    Cattura.PNG

     

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Non l’ho provato, avevo seguito le indicazioni di amici che mi hanno consigliato il metabones V, l’ho acquistato ma non mi é sembrato all’altezza della fama che si é costruito sul WEB. Già restituito.

    Seguirò il tuo consiglio e cercherò di provarlo.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites
    33 minutes ago, PEC56 said:

    Non l’ho provato, avevo seguito le indicazioni di amici che mi hanno consigliato il metabones V, l’ho acquistato ma non mi é sembrato all’altezza della fama che si é costruito sul WEB. Già restituito.

    Seguirò il tuo consiglio e cercherò di provarlo.

    Bada, è costruito per far funzionare i Sigma Art, Sports e Contemporary a baionetta Canon su Sony: non è detto che con i tuoi tele Canon funzioni bene, specie in AF-C: ma se per caso (non sono in molti a possedere tele come i tuoi...il web che ti ha consigliato il Metabones parla di 18-200... lasciali perdere) se per caso dovesse funzionare, con una somma irrisoria avresti risolto il problema a ....Sony xDxDxD

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites

    Il metabones che doveva funzionare benissimo in realtà funziona ma il AF-C ha grossi limiti. Se devi tracciare un rapace o un ardeide che hanno dei voli lenti e regolari con il cielo come sfondo si può utilizzare e funziona decentemente, ma a quel punto invece della a9 al EF 600 f4 ci attacco la 1DxmkII.

    se invece vuoi sfruttare la capacità di tracciare il soggetto con sfondi più complessi come un canneto o dei tamerici non funziona. Impazzisce e non riesce a mettere a fuoco o, nel migliore dei casi, é lento.

    morale se si acquista una a9 come ho fatto io lo si fa per sfruttare la capacità del sistema di autofocus in AF-C altrimenti mi tengo la 1DxmkII che funziona alla grande ha la stessa qualità delle immagini, una gestione del colore migliore, una batteria degna di questo nome ed é fantastica nella gestione dei file post scatto direttamente dalla macchina.

    la a9 ha due grossi pregi: un ottimo AF-C ed é leggera e devono essere sfruttati al 100% altrimenti non ha senso cambiare.

    Share this comment


    Link to comment
    Share on other sites


    Create an account or sign in to comment

    You need to be a member in order to leave a comment

    Create an account

    Sign up for a new account in our community. It's easy!

    Register a new account

    Sign in

    Already have an account? Sign in here.

    Sign In Now